Il Violino Forum

Il Forum di ViolinistiNet

Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 26 il Ven Ott 09, 2015 3:16 pm
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Non sei connesso Connettiti o registrati

comprare il primo violino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 comprare il primo violino il Lun Set 06, 2010 1:16 am

violetta


Ospite
Salve.
ho da poco compiuto 17 anni ma da diverso tempo ero interessata a
ad imparare il violino, dopo grandi peripezie e ripensamenti vari ora mi sono
decisa!
volevo chiedervi, cosa mi consigliate come primo violino?
premetto che non ho intenzione di diventare una professionista...
ho visto che ce ne sono anche di economici 70 - 80 euro
che ne dite?

2 Re: comprare il primo violino il Lun Set 06, 2010 11:52 pm

beh guarda, suono da anni con un "cinese" da 50 euro Smile
Al momento va ebne anche se il suono decisametne non è un Amati .. ma per chi inizia serve poco. Un violino economico va bene, tenendo conto che è uno strumento che no si impara da soli, ma c'è sempre un Docente, il quale - se è in gamba - non fa problemi di questo tipo.

Arriverà da solo il momento in cui sentirai l'esigenza di qualcosa di meglio, e qin quel momento avai anche al disponibilità economica.

Tieni conto: l'arco conta il 50% del suono. Il resto sono il violino in sè, le corde etc ... ma sopratutto: il violinista ... se impari a suonare bene su un "cinese", suonerai bene anche su uno Strad e lo apprezzerai molto di più Smile

Vedi il profilo dell'utente

3 appoggio Tiziano il Mer Feb 02, 2011 6:41 pm

in effetti, oggi strumenti super economici sono pari in qualità a strumenti che negli anni '90 costavano anche milioni di lire; ciò non vale solo per i violini ma molte tipologie di strumenti musicali e non solo...basti pensare ai prodotti tecnologici, ad esempio.
Ho iniziato a studiare con un violino d'atelier francese dell'800 appartenuto a mio nonno e, sapete cosa mi diceva la mia Maestra? "se vuoi imparare a suonare seriamente, dovresti lasciare quel violino e montare 4 corde su una cassetta da frutta" (di quelle di legno e, presumo, senza la frutta al suo interno, n.d.r.). Ciò non esclude che suonare uno strumento con un buon suono sia un piacere per le orecchie e per l'anima...ma ricordiamo sempre che il valore di qualsiasi cosa molto spesso non corrisponde al suo prezzo commerciale. Ciao a tutti.

Vedi il profilo dell'utente

4 Re: comprare il primo violino il Mer Feb 02, 2011 10:43 pm

Sì effettivamente gli strumenti economici di adesso non hanno niente a che vedere con quelle schifezze che giravano quando ho iniziato!Per iniziare va benissimo, se ne trovano tranquillamente da meno di 100 euro con tutto compreso!l'unica cosa, nella mia esperienza, è che a volte dopo qualche tempo il legno dell'arco si storge nella parte superiore (è dovuto alla non grandissima qualità del legno) ma per quella cifra va più che bene! Le cifre conviene spenderle quando si fa un certo percorso di studi e un violino che ha delle belle qualità può aiutare molto, così come l'arco.

Vedi il profilo dell'utente

5 primo violino il Dom Feb 13, 2011 11:53 pm

ciao a tutti!
ho appena iniziato anch'io da pochissimo a suonare questo bellissimo strumento! (sono alla 3°lezione..)
circa 2 settimane fa ho acquistato il mio primo violino...la mia insegnante mi ha detto di scegliere tranquillamente un violino di fabbrica economico (che per iniziare va benissimo)..ma magari evitare le "cinesate" da 50€..
Alla fine trovare un "non-cinese" che costasse meno di 600/700€ sembrava impossibile...quindi ho deciso per una via di mezzo... il set allegro della GEWA... (che con custodia,archetto,pece e spalliera ho pagato sulle 220€)...
Quasi certamente è fatto in cina anche quello ma viene poi rivisto in germania e marchiato dalla fabbrica tedesca! il ponticello è marchiato "made in france" ..
La mia insegnante dice che ha un buon suono e che anche le corde non sono di sicuro cinesi!
certo si vede che non è un violino di alto livello ma penso di aver fatto una buona scelta per iniziare!
saluti a tutti!!!

Vedi il profilo dell'utente

6 Re: comprare il primo violino il Lun Feb 14, 2011 3:38 pm

la GEWA è una buona fabbrica tedesca, probabilmente i prodotti di base, come dici tu, li fa realizzare in Cina, ma al giorno d'oggi considera che ci sono prodotti cinesi che non hanno nulla da invidiare a quelli europei. Magari, in effetti, evitando le robe da 45 o 50 euro. L'unica cosa che farei al tuo posto sarebbe cambiare subito le corde, le quali, in ogni caso, non saranno di ottima qualità; prendi una buona muta di Dominant misura mittel, vedi che ti sembrerà di suonare un violino 10 volte migliore...poi, fammi sapere se sbaglio. ciao e buon divertimento.

Vedi il profilo dell'utente

7 corde, pece e... il Sab Feb 19, 2011 7:57 pm

mi hai dato un ottimo consiglio...
ma adesso sto "annegando" nel mondo delle corde... su internet si trova veramente di tutto...
comunque toglimi una curiosità...si può scegliere la muta DOMINANT con "mi rivestito" e quella senza rivestimento.. che significa??? e poi non riesco a capire se le dominant sono in acciaio o in quello che chiamano "budello sintetico".. (che dicono si avvicinino molto al suono di quelle di budello tradizionale)
alcune addirittura sono in acciao e argento o acciaio e oro!!!
non avevo idea che esistesse tutto questo mondo di corde!!...
e poi su un sito dove volevo comprare le dominant mi chiede se voglio il MI pallino o il MI asola... sono proprio ignorante... non ho idea di cosa significhi!
Embarassed ... spero poi di non combinare disastri nel montarle!!

ultimo consiglio.. è vero che per pulire corde e crini dell'archetto va bene l'alcool o la benzina degli accendini? (per il resto del violino volevo prendermi il polish della hill..?) ..e poi la pece... è vero che ne esistono di diversi tipi in base alle stagioni addirittura?!?! è meglio quella scura o quella chiara??...io insieme al violino ho trovato una pece dal color ambra quasi trasparente...la mia insegnante ne ha invece una praticamente nera!!...
HELP!!

Vedi il profilo dell'utente

8 Re: comprare il primo violino il Sab Feb 19, 2011 11:57 pm

Ciao, è un piacere rispondere alle tue mille domande perché leggo in te l’entusiasmo di un ragazzo che si affaccia nel meraviglioso mondo del violino così come fu per me diciannove anni fa…dunque, le Dominant sono in budello sintetico rivestito di un materiale metallico avvolto a spirale attorno al (appunto) budello sintetico; generalmente il mi è in acciaio non rivestito, ma come dici tu è disponibile anche in budello sintetico rivestito: io ho sempre usato il mi in acciao non rivestito, perché sono un po’ un purista dello strumento, e classicamente il mi si è sempre usato in acciaio “nudo”. Il budello tradizionale probabilmente al giorno d’oggi si usa pochissimo per una questione di ingegneria dei materiali, nel senso che è ovvio che un sintetico plastico di moderna concezione dia delle garanzie di durevolezza e omogeneità che un materiale di derivazione animale (il budello naturale) non potrebbe mai dare (io sono addirittura contrario ai crini naturali per l’archetto)…considera una cosa: le corde invecchiano, anche se mai usate e mai tirate fuori dalla loro bustina; quando si comprano delle corde, sarebbe bene verificarne il periodo di produzione e non scegliere mai delle corde prodotte molto indietro negli anni. E’ ovvio che un budello animale ti invecchia 100 anni prima di un materiale plastico.
Si, le corde rivestite in argento e oro esistono e le ho viste, ma ti dirò una cosa…non credo che Abbado o Ughi abbiano usato mai corde in oro…l’oro sta nelle dita, non nel rivestimento delle corde…
Pallino o asola indica che la corda, nella parte terminale che va a fissarsi alla cordiera, potrebbe avere un pallino metallico (come le corde per la chitarra, se le hai presenti) o un’asola a goccia, nella quale devi rigirare e far passare la corda per bloccarla: in pratica sono la stessa identica cosa, io ho sempre usato, per praticità, corde con pallino e non ho mai avuto problemi.
Passiamo alla pulizia. Dunque, l’archetto si pulisce raramente (spero parli del legno dell’archetto, non dei crini, vero????? Wink ); a mio parere, la pulizia dell’archetto è assolutamente inutile, poiché, si sporca poco quanto nulla; le corde, nella zona strofinata dall’archetto, laddove si tende ad incrostare la pece, si possono pulire, ma, una volta ogni tanto, prima grattandone gli accumuli di pece con le unghie, e raramente passandovi sopra una pezzuola imbevuta di benzina rettificata (per accendini); la zona del violino che devi pulire assiduamente, per prevenire danni alla vernice, è la zona del piano armonico sulla quale si deposita la pece che cade dall’arco mentre suoni: basta che ci passi una stoffa asciutta appena finisci di suonare. La pulizia generale di tutto il violino (esternamente) va fatta molto raramente, NON usare assolutamente acqua ragia o trementina o cose simili, a mio parere rischi di danneggiare irreparabilmente la vernice (la quale, è diluita all’origine con trementina, ergo andresti a inserire un solvente in un composto realizzato con una dose dello stesso solvente, in parole povere scioglieresti la vernice così come se in una crema pasticcera, una volta terminata, andassi a versare un altro buon mezzo litro di latte…non so se mi spiego): puoi tranquillamente usare il polish Hill, versandone non più di due gocce su un pezzetto di stoffa, due gocce in tutto e ci pulisci tutto il violino. Se ti viene lo schiribizzo di pulire il violino internamente (cosa da fare ogni 50 anni, a mio parere), puoi inserire nelle F un po’ di chicchi di riso e agitare il violino come se fosse una maracas, poi, ovviamente, farai uscire fuori il riso.
Pece: io uso la Pirastro da violoncello (Pirastro Cello), color ambra…sempre trovato benissimo. La pece nera generalmente si usa per il contrabbasso; se la tua maestra la usa e si trova bene, vuol dire che fa bene anche per il violino. Prendi sempre una buona pece di marca, lascia stare le porcherie che si trovano in dotazione nelle custodie dei violini economici, non hanno attacco sulle corde e il violino ti inizia a fischiare, facendoti credere che tu sia incapace, invece è la pece a fare schifo...
Spero di aver soddisfatto ogni tua curiosità, di non averti annoiato a morte; resto a tua disposizione per ulteriori chiarimenti. Buon divertimento.

Vedi il profilo dell'utente

9 precisazioni... il Dom Feb 20, 2011 12:02 am

Abbado Michelangelo (violinista), non Claudio (direttore d'orchestra);
anche la corda LA in passato si usava in metallo non rivestito.
Ciao!

Vedi il profilo dell'utente

10 grazie! il Dom Feb 20, 2011 11:22 am

grazie infinite!
sei stato più che esaustivo... anzi scusami tu se faccio tante domande ma sono sempre stata una mangiatrice di informazioni!!! Very Happy
per le corde mi hai convinto...tra l'altro ho trovato un sito dove garantiscono corde appena uscite dalla fabbrica e niente prodotti di "magazzino"..(ieri ho guardato attentamene le corde che ho già sul violino e mi pare che abbiano il pallino..)
per i crini dell'arco avevo letto su altri forum di passarli con un battufolo imbevuto di alcool ogni tanto per togliere le incrostazioni di pece... idem per le corde.. ed infatti mi pareva un procedimento un pò troppo aggressivo!!

per la pece mi hai illuminato!! .. infatti mentre suono qualche volte sento dei fischi metallici che mi fanno rabbrividire..(e sopratutto pensare a quanto sono incapace!)... quindi visto che devo ordinare corde e polish, infilerò nell'ordine anche una buona pece di marca...
ti farò sapere!

ultima curiosità... ma il ponticello è fissato alla cassa armonica? perchè ieri mentre spennellavo via la pece da sotto le corde (mi sono munita di pennello da fard che per questo procedimento ti assicuro che è un ottimo strumento!! Cool ) mi sono accorta che il ponticello non era più perpendicolare alla cassa armonica ma leggermente inclinato in avanti (diciamo verso la tastiera) e così maneggiandolo nel tentativo di raddrizzarlo un pelino mi sono accorta che la base del ponticello di sposta Shocked ... e quindi ho pensato...è normale?? e poi se devo cambiare le corde verrà via anche il ponticello? che faccio? mi segno in qualche modo il punto dove si trova ora così nel rimontare le corde saprò esattamente dove va?

scusa sembro un pò paranoica ma ho voglia di imparare e ho anche il terrore di rovinare il mio violino!!!
grazie infinite ancora delle informazioni!! tongue e buona domenica!!

Vedi il profilo dell'utente

11 Re: comprare il primo violino il Dom Feb 20, 2011 3:07 pm

Non c’è bisogno di ringraziare, per me è un piacere.
Dunque, a mio parere i crini dell’arco non hanno alcun bisogno di essere puliti; il deposito di pece che avviene durante l’uso dell’arco, anzi, è fondamentale al suo corretto funzionamento; io no l’ho mai pulito in vita mia, poi, quando i crini sono da cambiare (la vita dei crini è relativamente breve), si cambiano e punto.
Il ponticello, essendo semplicemente appoggiato al piano armonico, si sposta in continuazione, soprattutto durante la fase di accordatura, perciò deve essere sistemato ogni volta. Il ponte è cuneiforme, piramidale, se vogliamo, ma non deve essere posizionato come se fosse una piramide: la facciata del ponte che si rivolge alla cordiera deve essere perpendicolare al piano armonico; i piedini devono essere allineati al centro delle F (guardando il violino come se fosse appeso al muro), ma le tacche delle F devono stare DIETRO le basette dei piedini del ponte, se si guarda dalla prospetiva della cordiera; qualche scellerato (senza offesa, ognuno è libero di sparare le cavolate che crede, però io ti dico quella che è l’impostazione della Scuola di liuteria di Parma) dice che le basette dei piedini devono stare al centro di una linea ideale che unisce le tacche delle F…giammai! Le tacche, sempre dietro, come ho già detto. Mi rendo conto che, senza un’illustrazione, non è facilissimo comprendere quanto ho detto, ma sono sicuro che la tua maestra sappia farti vedere di persona l’operazione che ti ho descritto. Un caro saluto e a presto.

Vedi il profilo dell'utente

12 Re: comprare il primo violino il Dom Feb 20, 2011 6:20 pm

ok!! sei stato chiarissimo....!!
mi è bastato tenermi il violino davanti e leggere passo passo il tuo post!! Very Happy
penso che il mio ponticello sia sistemato abbastanza bene...a parte la faccende delle tacche delle f che dovrebbero stare dietro ai piedini...appena mi arrivano le corde nuove me lo risistemo come mi hai detto!
sabato prossimo vedrò la mia insegnante e spero di presentarmi con: violino con corde nuove, ponticello sistemato, cassa armonica lucidata con il polish e un'ottima pece nuova di zecca.... Very Happy
ti farò sapere!
grazie a presto

Vedi il profilo dell'utente

13 Re: comprare il primo violino il Dom Feb 20, 2011 10:50 pm

dunque, è meno difficile di quel che sembra; il ponticello ha due piedini rettangolari i quali, essendo rettangolari, hanno due lati corti e due lunghi; i due lati lunghi sono rivolti rispettivamente uno verso la cordiera e uno verso la tastiera; immagina una linea che unisce le due tacche interne delle F (quelle rivolte verso il ponticello): i due lati lunghi dei piedini del ponticello rivolti verso la cordiera, devono appoggiare sulla linea immaginaria che unisce le tacche interne delle F; fai così: prendi un foglio di carta, una matita, traccia una linea orizzontale e due rettangoli, al di sopra della linea, i cui lati lunghi si appoggiano su questa linea (i rettangoli saranno un po' distanti l'uno dall'altro, così come lo sono i piedini rettangolari del ponticello); la linea che hai disegnato è la linea immaginaria che unisce le tacche interne delle F, i due rettangoli sono i piedini (basi, basette, come vogliamo chiamarli) del ponticello. La facciata del ponte rivolta verso la cordiera, ricorda, deve essere perpendicolare al piano armonico. Ora è più chiaro? a presto. P.S.: per la lucidatura (o per meglio dire, pulizia) dei legni del violino, aspetta un po', non esagerare, è un'operazione che si fa una volta ogni sei mesi (anche troppo) se si suona ogni giorno; per la pulizia quotidiana è sufficiente passarci sopra la stoffetta asciutta di cui prima; se esageri con l'uso del polish, tiri via la vernice e poi il violino non sarà più tanto bello.......

Vedi il profilo dell'utente

14 Re: comprare il primo violino il Sab Feb 26, 2011 11:49 am

rieccomi!!
sono arrivate le corde nuove!!
sono riuscita a montarle e sistemare il ponticello esattamente come mi avevi descritto!
.....inizialmente ho scambiato la corda del sol con quella del re... Embarassed ...poi però ho rimesso le cose a posto e adesso... il mio violino suona che è una dolcezza!!!! il sol poi...mi ha davvero stupito... è tutta un'altra vita!! non sembra neanche più il violino che ho comprato!...sono proprio contenta!
l'unica cosa è il re che mi sembra un pochino "impastato" non so come spiegarlo.. come se fosse un po attutito..
ma lo rivaluto dopo che avrò fatto un pò di esercizi...
tra l'altro oggi vado a lezione e non vedo l'ora di far sentire alla mia insegnante com'è migliorato il suono!!
ti ringrazio ancora tantissimo!!
Very Happy

Vedi il profilo dell'utente

15 Re: comprare il primo violino il Sab Feb 26, 2011 1:01 pm

mi fa piacere. Il sol Dominant è una meraviglia, sono d'accordo. Per il re, non saprei cosa dire; probabilmente è una questione di settaggio della catena, ma non credo che su un violino da studio valga la pena intervenire su di essa poichè il liutaio ti chiederebbe (giustamente) cinque volte il prezzo del violino... dai per adesso studia con questo, poi, quando ne sentirai la necessità, sarai tu stessa a renderti conto di dover passare a qualcosa di più impegnativo (già con un migliaio di euro si comprano ottimi violini di liuteria, magari anche d'atelier, il mercato ne è pieno, specialmente dalla caduta dei regimi filosovietici, a seguito della quale ci sono arrivati dai paesi dell'europa dell'est strumenti veramente validi, anche dell' '800, fatti veramente bene). Per ora la mia unica raccomandazione è che, montando le corde, tu non abbia sovrapposto le spire delle corde stesse sul pirolo, cosa che non si deve assolutamente fare poichè questo comprometterebbe la stabilità della corda nonchè dell'accordatura. Nel caso l'avessi fatto, sfilale completamente e rimontale come descritto. La parte che avanza va tagliata via, mai fare gomitoli come quelli della nonna quando ti fa un maglione...Allora ciao e fammi sapere.

Vedi il profilo dell'utente

16 Re: comprare il primo violino il Dom Mag 22, 2011 6:53 pm

Admin


Admin
altre info utili sulla valutazione e scelta di un violino..

http://www.violinisti.net/p/libri.html

Vedi il profilo dell'utente http://violinistinet.forumitalian.com

17 Re: comprare il primo violino il Ven Dic 02, 2011 3:16 pm

Ah il primo violino!! Il mio è stato un 2/4 (avevo 5 anni) ed ora è appeso nel muro di casa xD comunque son stati pagati abbastanza... Ovvio che se si vuole imparare uno strumento bene e che abbia un suono decente si dovrebbe NON guardare il prezzo perché è la qualità quella che conta, parlo per chi vuole iniziare a imparare il violino seriamente (i miei sono tedeschi e li ho pagati un sacco), invece se non si hanno grandi pretese e si vuole iniziare a "strimpellare", allora uno cinese ed economico va benissimo Smile

Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum